Faq 2017-02-01T14:44:45+00:00

FAQ: risposte alle tue domande

La seguente pagina ha lo scopo di assistere il cliente durante la fase di progettazione di una molla, di scelta di un prodotto o di un materiale.

Con quale criterio scegliamo il materiale da utilizzare per realizzare una molla? 2017-01-16T15:46:59+00:00

Se la molla non è esposta ad agenti atmosferici aggressivi (liquidi, umidità o acidi) e lavora ad una temperatura che è compresa tra 0 °C e 200 °C è possibile utilizzare un materiale al carbonio, il cosiddetto acciaio armonico per molle UNI EN 10270-1.

Se la molla è esposta ad agenti atmosferici quali pioggia, nebbia, umidità è opportuno utilizzare un materiale inossidabile che abbia elevate caratteristiche meccaniche quale l’AISI 302 UNI EN 10270-3.

Nel caso di applicazioni miste è possibile utilizzare l’acciaio armonico zincato che rappresenta un buon compromesso tra resistenza alla corrosione e costo del materiale.

Se la molla è applicata in ambiente marino è consigliabile utilizzare l’AISI 316 UNI EN 10270-3.

Quali sono i parametri geometrici fondamentali per ordinare una molla a compressione? 2017-01-16T17:47:53+00:00

Diametro del filo.

Diametro esterno di avvolgimento.

Lunghezza libera o altezza della molla.

Passo o numero di spire totali.

Quali sono i parametri geometrici fondamentali per ordinare una molla a trazione? 2017-01-16T17:48:27+00:00

Diametro del filo.

Diametro esterno di avvolgimento.

Lunghezza totale della molla compresi gli occhielli di aggancio.

Tipo di occhielli di aggancio.

Ho una molla di riferimento e voglio modificare il carico ad ogni mm di compressione. Cosa devo modificare? 2017-01-16T15:55:44+00:00

Per aumentare il carico:

Aumentare il diametro del filo;

Diminuire il diametro di avvolgimento;

Ridurre il numero di spire totali;

Aumentare il passo della molla.

Per diminuire il carico:

Diminuire il diametro del filo;

Aumentare il diametro di avvolgimento;

Aumentare il numero di spire totali;

Diminuire il passo della molla.

Cosa è la lunghezza di lavoro? 2017-01-16T15:45:50+00:00

Molla a compressione: è la lunghezza alla quale la molla viene compressa restituendo l’energia immagazzinata al proprio rilascio in modo lineare. In particolare la costante elastica delle molle si esprime in Newton al mm N/mm (oppure kg/mm) e per le molle cilindriche è uguale per tutta la corsa di lavoro.

Molla a trazione: è la lunghezza alla quale la molla viene tirata restituendo l’energia immagazzinata al proprio rilascio in modo lineare. In particolare la costante elastica delle molle si esprime in N/mm (oppure kg/mm) ed è uguale per tutta la corsa di lavoro.

Come faccio ad aumentare la resistenza a fatica di una molla? 2017-01-16T15:52:28+00:00

Cercando di avere il rapporto di avvolgimento (diametro esterno diviso il diametro del filo) il più vicino possibile o sopra al valore teorico 10.

Cercando di avere il passo della molla il più possibile sotto 3 volte il diametro del filo.

Effettuando il trattamento di pallinatura sulla molla.

 

Come vengono stabilite le tolleranze dimensionali sulle molle se non specificate dal disegno del cliente? 2017-01-16T15:49:27+00:00

Secondo la norma UNI 7900- 1/6/7.

Quale è il minimo fatturabile? 2017-01-16T15:44:38+00:00

60 € + IVA.

Come faccio a ricevere le molle se non ho un corriere? 2017-01-16T15:44:30+00:00

Spediamo le molle in tutt’Italia tramite corriere con addebito del trasporto in fattura.

Quale è il lotto minimo di acquisto? 2017-01-16T15:43:21+00:00

Vendiamo anche un singolo pezzo.